Maria Montessori, i 150 anni di una grande Italiana di Frontiera fuori dagli schemi

 In Storie

Cos’hanno in comune Sergei Brin, Larry Page, Mark Zuckerberg, Jeff Bezos, Steve Wozniak, Bill Gates…? Tutti Montessori Alumni…

Il 31 agosto 1870, nasceva a Chiaravalle (Ancona) Maria Montessori.  Con una pedagogia ispirata a intercettare, incoraggiare e coltivare il talento dei bambini è stata una figura di livello mondiale nel campo dell’educazione. E non solo.

Centocinquant’anni dopo, nell’Italia del 2020, sono pochissimi i suoi connazionali consapevoli di quanto la lezione di questa donna straordinaria sia d’ispirazione, oggi più di ieri, per immaginare il domani, non solo nel mondo della scuola . Non è un caso che molti dei grandi protagonisti dell’innovazione mondiale a Silicon Valley e dintorni siano usciti da scuole montessoriane. Contemporaneamente, lo spazio irrisorio che in Italia cultura popolare e memoria collettiva hanno riservato a giganti di statura mondiale come Maria Montessori o Adriano Olivetti  deve far riflettere sul loro esser stati personaggi scomodi, “Italiani di Frontiera Out of the Box”, troppo fuori dagli schemi rispetto alle matrici culturali principali, quella cattolica e quella socialista-comunista, per non essere emarginati e sottovalutati dai contemporanei. Un buon motivo per ricordarli, scoprendo la loro straordinaria attualità.

Per questo a Olivetti, Montessori e altri grandi innovatori (come l’ancor meno celebre Roberto Busa, gesuita vicentino pioniere di Digital Humanities) abbiamo dedicato un capitolo de nostro spettacolo “Dobbiamo tutto agli Hippie. Alle radici della New Economy“, per la regia di Alessio Mazzolotti , sul valore innovativo del pensiero controcorrente.

Per l’occasione, ripubblichiamo l’articolo ormai cancellato in Rete dedicato a Maria Montessori.

 

Qui  sotto l’articolo di CheFuturo del 6 maggio 2012.

60 anni fa moriva Maria Montessori:

maestra di Google, Amazon e Wikipedia…

E se inseguendo il filo rosso dell’innovazione e del talento globale finissimo col riscoprirne le radici proprio in casa nostra? Sessant’anni fa, il 6 maggio 1952, si spegneva in Olanda Maria Montessori, straordinaria scienziata, pedagogista ed educatrice.

Instancabile, a 82 anni, dopo aver girato il mondo – dove forse è ancor oggi la figura femminile italiana più celebre – sognava di portare anche in Africa il suo progetto all’insegna dell’educazione creativa e libertaria che partito dallo studio dei bimbi con problemi psichici è diventato un progetto pedagogico per tutti i bambini.

Quanto ha influito questa idea di educazione “fuori dagli schemi” sul pensiero innovativo che sta ridisegnando il mondo? Nulla di meglio che crescere in un ambiente intellettuale fertile come Stanford, per creare qualcosa che ha cambiato la nostra vita, deve aver pensato Barbara Walters, star della TV Usa, quando chiese qualche anno fa agli inventori di Google quanto fosse stato importante per il loro successo esser figli di professori del celebre ateneo californiano.

Ma Sergei Brin e Larry Page risposero che più dell’università, per loro era stato determinante l’asilo. E cioè l’esperienza fatta da tutti e due da bambini col metodo Montessori. Lì avrebbero imparato a “non seguire regole e ordini, essere automotivati, domandarsi che succede nel mondo, fare le cose in modo un po’ diverso”. Un principio da loro espresso in questa intervista poi approfondito, ad esempio durante una conferenza.

La lista degli alunni illustri del metodo è lunga e comprende altre star della New Economy, come Jeff Bezos, vulcanico fondatore di AmazonJimmy Wales ideatore di Wikipedia e Will Wright, autore del videogame best seller “The Sims”. Mentre le prime scuole Montessori negli Usa poterono contare su sostegno e finanziamenti di figure illuminate del calibro di Alexander Graham Bell e Thomas Edison. Abbastanza perchè in un blog del Wall Street Journal, Peter Sims arrivasse un anno fa a parlare di “Montessori Mafia” non in termini spregiativi, per riconoscere piuttosto l’esistenza di una elite intellettuale e imprenditoriale che forgiata ieri da quel metodo didattico sta plasmando oggi il nostro futuro.

Se n’è occupato nel suo blog per Forbes, Steve Denning, autorità internazionale nel campo della formazione e della conoscenza. Già direttore dell’omonimo dipartimento alla Banca Mondiale (e autore di un recente libro di successo, in italiano “Guida dei Leader per un management radicale: Re-inventare il posto di lavoro per il 21 Secolo”) con un lungo post arricchito da contributi, contrapponendo il modello Montessori, fucina di futuri leader, agli schemi tradizionali di un insegnamento troppo basato sulle risposte ai test, che dovrebbe invece rivedere gli stessi criteri di valutazione e puntare ad un obbiettivo principale: stimolare quell’apertura mentale che consenta il “Lifelong Learning”, continuare a imparare, una volta lasciati i banchi, per tutta la vita.

Un punto di vista in linea con quello di Ken Robinson, tra i maggiori esperti mondiali di educazione, autore di una strepitosa conferenza TED “La scuola uccide la creatività?” (update: quasi 67 milioni di visualizzazioni ad agosto 2020, mese in cui Sir Robinson è scomparso, ndr) seguita poi da altre, come “Provochiamo una rivoluzione nell’apprendimento”.

Ma è il momento di chiedersi: come mai un nome che all’estero è sinonimo di educazione d’eccellenza, che negli USA in particolare sembra oggi più che mai incubatore della nuova élite, in Italia per molti ancora è forse solo un volto comparso sulle banconote da mille lire (quanti sapevano chi era?) e il nome di una fiction televisiva interpretata da Paola Cortellesi?

Se il futuro va davvero affrontato liberandosi da schemi e stereotipi, allora Montessori offre uno spunto in più di riflessione. “Perché i contenuti del suo insegnamento furono forgiati con un percorso intellettuale tanto coraggioso e rigorosamente controcorrente in patria da esser pagato in prima persona“, spiega Luciano Mazzetti, già docente universitario, presidente del Centro Internazionale Montessori.

Ha osato gettare lo sguardo nella biologia e nel sesso maschile, diceva. A riprova delle resistenze affrontate da studentessa di fine Ottocento all’Università”, ricorda Mazzetti. Montessori scontò in Italia le conseguenze dell’intervento durissimo fatto ad un raduno di pioniere del femminismo a Londra, rivendicando diritto di voto, di lavoro e dignità per le donne, non più solo madri, moglie sorelle. E quando cercò all’estero gli ispiratori per il suo lavoro con i bambini disabili, l’Accademia italiana reagì considerandolo un vero affronto.

Il suo rigore scientifico inoltre mal si conciliava con l’Idealismo dominante, mentre negli anni Trenta ruppe con Mussolini. Il Duce finì per farla spiare dall’Ovra, dopo averla blandita per un po’ ritenendola parte delle “tre M italiane esportabili” (Mussolini, Marconi, Montessori). Nel dopoguerra poi, il metodo Montessori era considerato contrapposto a quello dominante di stampo cattolico tradizionale, semmai vicino al Modernismo cattolico ed al Socialismo. Scomodissimo, almeno sino al Concilio Vaticano II, nello sconfessare il peccato originale e ritenere i bambini non solo innocenti ma persino figure messianiche, profetiche.

Per le sue idee trasgressive, in Italia Montessori è rimasta una esule del pensiero dai pensieri dominanti. A Roma per il centenario della prima Casa dei Bambini nel 2007, c’erano 1.150 stranieri, solo una sessantina di italiani quasi tutti addetti ai lavori”, dice ancora Mazzetti. Abituato, come gli è successo di recente in Qatar, a parlare di Montessori all’estero a platee ammirate – lì erano quasi tutti islamici – per poi tornare in Italia ed affrontare problemi di ogni genere.

Molte regioni, specie al Sud, ancora non hanno nemmeno una scuola montessoriana. Soltanto da poco, con una convenzione stipulata con l’ateneo di Bologna ed una in arrivo con la Bicocca a Milano, l’Università inizia ad aprirsi all’esperienza montessoriana, celebrata come d’avanguardia all’estero, considerata ingiustamente a lungo nel suo Paese antiquata.

Ma c’è stata pure una “peculiarità montessoriana” negativa, nella sua patria? A Francesca Amè, giornalista, blogger e mamma, alcune delle scuole montessoriane italiane visitate hanno lasciato l’impressione di ghetti dorati dove “tutto è fatto su misura per ogni bimbo, è poco favorito il lavoro di squadra… mentre insegnare a pensare fuori dagli schemi significa anche imparare a condividere, accettare dei limiti, dei divieti, persino delle imposizioni (ingegnandosi a superarle, se si è molto svegli)”.

Un eccesso di permissivismo che Paolo Mieli, in un commento al termine di un bellissimo speciale Rai di “Correva l’anno” dedicato alla Montessori (su YouTube in quattro parti: 1 – 2 – 3 – 4) ha indicato quasi come retaggio sessantottino, in una confusione fra ruolo di discepolo e di educatore dannosa per l’ insegnamento. Ma se quel rompere gli schemi è considerato oggi fucina di innovazione in mezzo mondo, vien da pensare che forse sia l’Italia a mancare dei giusti contrappesi (responsabilità individuale, rispetto e senso civico) per non trasformare la trasgressione anti-autoritaria in abuso.

Certo, educare all’autonomia ed alla libertà assoluta è un percorso a rischio. Per Mazzetti, la risposta giusta resta quella che alcun bambini di una scuola montessoriana diedero a dei visitatori. “Noi non facciamo quel che vogliamo. Vogliamo quel che facciamo”.

Post suggeriti

Leave a Comment

Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Illeggibile? Cambia il testo. captcha txt

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca