“Giamma” Clerici, ingegnere tra informatica e controcultura

 In Interviste e Incontri
Giamma Clerici

Un ingegnere di Alessandria fra software di Silicon Valley e controcultura di San Francisco. Gianmaria “Giamma” Clerici, arrivato in California quasi vent’anni fa con Olivetti, abbina il lavoro nell’informatica alla passione per musica ed espressioni artistiche e sociali evolutesi dalla tradizione hippy, di cui la Baia e’ stata culla. Oggi e’ titolare di un locale di tendenza, nella zona di Mission. E spiega raccontando la sua esperienza il singolare intreccio che hi tech e cultura alternativa, ieri come oggi, rappresentano nell’area di San Francisco.

A SILICON VALLEY CON OLIVETTI – Nel 2009 saranno vent’anni a San Francisco.
Sono arrivato nell’ottobre 1989, due giorni dopo il terremoto, mandato dall’Olivetti, per partecipare ad un progetto a Menlo Park, che intendeva sviluppare un computer multiprocessor. Sono di Alessandria e all’Universita’ Statale di Milano mi ero laureato nel primo anno di Scienza dell’Informazione, con il professor Francesco Lacapra, oggi anche lui a Silicon Valley, a MaxiScale.
Al progetto lavoramo in 40, del centinaio di dipendenti che Olivetti aveva qui all’epoca. Ma all’inizio degli anni Novanta, con l’azienda in difficolta’ sono cominciati i tagli ai progetti. A me piaceva vivere qui, cosi’ ho deciso di rimanere, passando nel 1993 alla Oracle, sino al 1996 (mi occupavo del database sulle macchine della Pyramid RM 1000, com molti processori MPP, che facevano lavori con Olivetti). Nel 1996 e’ arrivata la carta verde e mi sono trasferito alla Healtheon, lanciata dai fondatori di Netscape, che realizza servizi online per la sanita’. Azienda diventata pubblica nel 2000, col nome WebMD.
Dopo un anno di pausa e viaggi, nel 2001 sono entrato in Epicentric, poi comprata da da Vignette. E nel 2006 alla Bridgestream, comprata a fine 2007 da Oracle.
Facciamo applicativi e come software engeneer mi occupo principalmente di Java.

SOFTWARE E CULTURA ALTERNATIVA – Sono titolare di un locale a due passi da Mission Street, il Bollyhood Cafe’. E’ da quando sono qui che ho una “seconda vita”, oltre a quella di ingegnere. Facendo il dj, partecipando ai vari movimenti della cultura underground.
C’e’ una continuita’, tra controcultura e rivoluzione informatica. Dietro ai movimenti piu’ appariscenti, c’e’ stata una svolta meno clamorosa, di gente che ha cambiato la mentalita’… l’informatica e’ qualcosa di molto astratto, qualcosa di surreale. Molti degli ingegneri degli anni Sessanta e Settanta sono passati per quella controcultura, c’e’ stata una continuita’ con il movimento underground, nel creare qualcosa di interessante e creativo. E alcuni dei piu’ intelligenti, di quel movimento, si sono buttati nell’informatica…

COMUNITA’ E BUSINESS – All’inizio degli anni Novanta ho cominciato ad andare alle feste rave. E li’ ho conosciuto amici che per la maggior parte stavano facendo cose molto interessanti nel campo dell’informatica e del sofware, che richiede predisposizione per la matematica ma ti consente di creare applicazioni pratiche…
Tra queste persone unite e da interessi e passioni sono nate delle vere comunita’, cosa che spesso a San Francesco significa anche vivere assieme e condividere un appartamento.
Un tipo di aggregazione, che in Italia magari coinvolge solo giovanissimi, e qui sostituisce in un certo senso la famiglia, che e’ molto meno sentita che in Italia. E in alcuni casi si sviluppa anche nel business. Creando assieme ad amici ditte di informatica. Specie dopo il boom di Internet, un’opportunita’ non solo per fare i soldi ma per fare qualcosa di interessante e creativo per l’uso della tecnologia… in queste feste ho conosciuto tantissime persone con una certa passione, che hanno lanciato ditte…. una dinamica tutto sommato simile a come che ha visto iniziare Apple o Microsoft.

SPIRITO HIPPY RIENCARNATO – Qui lo spirito hippy si e’ reincarnato in forme diverse in un’epoca diversa… nelle feste rave, come in Burning Man, progetto di creativita’ all’insegna dello spirito libertario, al quale ho partecipato una decina di volte. Un raduno di creativita’, divertimento e progetti eccentrici, all’insegna della liberta’, che si svolge nel deserto.
Non e’ un caso che questo sia il centro dello sviluppo del software e delle idee creative. Si diventa magari imprenditori ma sempre con uno spirito alternativo…

APERTURA MENTALE – La concentrazione di persone intelligenti, che vogliono anche divertirsi… crea un equilibrio, un’apertura mentale che aiuta ad essere piu’ creativi…
E in questa liberta’ rientra qualche volta anche l’uso di droghe legere. Che qui pero’ non sono “da sballo”, come in Italia. Si usano in modo consapevole, perche’ c’e’ molta piu’ conoscenza ed educazione, sulle droghe qui…
Quando torno in Italia soprattutto, ad Alessandria, sento la differenza. Una minore abitudine alla varieta’, di razza, religioni, culture, rispetto a San Francisco. E’ questa varieta’ che si traduce in una maggiore apertura mentale. Ed anche in una maggiore tolleranza.

Post suggeriti

Leave a Comment

Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Illeggibile? Cambia il testo. captcha txt

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca